Google+

Post in evidenza

Come progettare la cucina

Moderne, minimal, classiche, in muratura, country, shabby... In legno, in acciaio, laccate, in pvc, in vetro..c'è da perdere la testa...

17 dicembre 2013

sale aromatizzato: un'idea regalo Home Made....e i miei Auguri

Natale è davvero vicino e di solito inizio adesso a fare i regali.
Si io e altri milioni di persone!!
All'ultimo la lista si allunga e inizi a pensare a quante persone vuoi o devi fare un regalo o un pensiero.
I negozi stracolmi e i centri commerciali lasciamo perdere và, sono rigonfi di persone indaffarate già da metà novembre.
E se lo facessimo noi, con le nostre mani? Un'idea semplice e veloce, di sicuro effetto.
Possiamo fare un pensiero o arricchire un bel cesto..oppure tenercelo e sfoggiarlo in tavola durante le feste.
Il primo ingrediente per fare il sale aromatizzato, è la vostra fantasia.

10 dicembre 2013

Decorazini di Natale Home Made

Sicuramente la maggior parte di voi ha gia fatto l'albero e decorato casa.
Ma se ancora non l'avete fatto o se avete voglia di aggiungere qualche altro decoro fatto con le vostre mani, ecco qualche idea molto semplice e veloce.
Oltre alle solite palline di veri colori e dimensioni, nel mio albero e nelle ghirlande, ci sono decori naturali, edibili  e fatti in casa, che ogni anno si moltiplicano.
Questo è stato il il primo anno che fare l'albero è stato un problemino..anche mantenerlo intatto lo sarà.
Dopo due giorni, la parte bassa dell'albero è vuota! Nessuna pallina è stata risparmiata, nessun biscotto e nessuna arancia..la parte alta è invece stracolma, ma è bello lo stesso.
Ecco la mia scatola delle decorazioni
una casa su misura per loro


LE PIGNE 
Semplicissime, basta trovarle!! eheh, che siano compatte e non eccessivamente grandi.
Poi basterà spruzzarle con lo spray oro o argento.
Io non le lego, ma le incastro tra i rami, nella ghirlanda invece le ho incollate con la colla a caldo così  sono pronte per l'anno prossimo.
una casa su misura per loro

I BISCOTTI
Vanno bene qualsiasi tipo di frollini, meglio se speziati così i profumi avvolgeranno l'albero.
Qui trovate la mia ricetta.
Il buchino per far passare il nastro, va fatto appena togliete i biscotti dal forno, con uno stecchino da spiedino.
Infatti i biscotti vanno sfornati quando sono ben colorati ma ancora morbidi, poi si induriranno con il raffreddamento.
Se volete conservarli, basterà riporli in un sacchetto alimentare ben chiuso. Io ne ho qualcuno di tre anni fa (quelli che si sono salvati), perfettamente conservato e fa ancora un gran profumo. Ovviamente non va mangiato!!
una casa su misura per loro

LE ARANCE
Sono le mie preferite, belle e semplicissime!
Consiglio delle arance vecchie, perchè hanno gia perso parte della loro acqua, quindi manterranno la forma.
Tagliatele a fettine abbastanza sottili e disponetele su una placca foderata di carta forno.
Infornate a 60-80° C, forno ventilato, finchè non si asciugano, circa 1 ora.
Oltre che appese, sono perfette per decorare pacchi regalo o decorare i vostri piatti in onore delle feste.
Si conservano in un sacchetto alimentare aperto.
una casa su misura per loro

Buone Feste!
Silvia

1 dicembre 2013

Prima di Natale: un pomeriggio di coccole cioccolatose

Continua la collaborazione con Alma Nardi, la prima esperienza ci è piaciuta davvero tanto e ci siamo divertite, così abbiamo pensato ad un altro shooting fotografico sempre relativo alla tavola, ma questa volta una tavola un pò diversa.
Avvicinandoci al Natale e ai regali, abbiamo pensato ad un modo carino per scambiarselo con le amiche.
Il Natale si passa con la famiglia e i giorni immediatamente prima si cerca sempre di trovare almeno un'ora da passare con le amiche.
Un modo anche per uscire a fare una bevuta o passare un pomeriggio insieme prima delle festività, insomma gli ultimi pettegolezzi dell'anno.
Perchè allora invece di improvvisare, non organizzarsi per tempo?
Una colazione di metà mattina, un pomeriggio o un dopocena in un qualsiasi giorno della settimana..se uno vuole ci riesce!
I bambini se rimangono a casa con il papà, la nonna la zia o la babysitter è meglio, ma se non fosse possibile abbiamo pensato anche a loro.
Qual'è la bevanda calda che vi coccola, che vi fa pensare al camino acceso e  alla neve? (tra l'altro oggi c'è!)
La cioccolata! Accompagnata da tre tipi di biscotti, per accontentare vari gusti ed eventuali restrizioni alimentari.
Magari da poter impacchettare e regalare ai vostri ospiti così che possano appenderli all'albero, oppure da fare a casa con i vostri bambini.
Niente di formale, nessuna tovaglia, nessuna apparecchiatura particolare non è nemmeno necessario avere un servizio da tè, caffè o cioccolata.
Basta che tutto sia coordinato, come al solito vince il buon gusto.
Non ci sono regole, tranne ovviamente una buona compagnia.
Questa è la mia tavola, potete trarne spunti e consigli, ma ripeto, le foto parlano da sole, quindi vi lascio a loro e alle ricette.







Cioccolata calda 
Potete aromatizzarla a piacere con cannella, anice, peperoncino, arancia o rum, farla con latte vaccino, soia, riso o mandorla.
Ma per avere la giusta densità, che non sia nè un budino nè del latte al cioccolato, dovete dosare bene gli ingredienti secchi.
INGREDIENTI
300 ml latte
dai 20 ai 50 gr di zucchero (a vostro gusto) 
10 gr di fecola di patate o di mais
20 gr di cacao amaro di ottima qualità
1 stecca di cannella o in polvere o aromi a piacere
PROCEDIMENTO
Mettete la stecca di cannella nel latte e portate vicino al bollore, spegnete il fuoco e fate intiepidire il latte.
Setacciate insieme la fecola e il cacao e uniteli allo zucchero. Se usate la cannella in polvere aggiungetela a questo preparato.
Ora filtrate il latte dalla cannella e eventuali residui, versatene a filo nel preparato al cacao, lentamente per non formare grumi,
Ora mettete sul fuoco basso e fare cuocere finchè non si rapprende.
Appena vedete che inizia a restingere spegnete il fuoco e continuate a mescolare.
Servire subito!
E SE..?
Se vi sembra troppo densa appena tolto dal fuoco, aggiungete altro latte, poco alla volta, mescolando bene.
Se vi sembra troppo liquida va aggiunta un pò di fecola setacciata, sempre fuori da fuoco e mescolando molto bene. Se facendo questa operazione, si creano grumi, usate il minipimer.
Se avete l'aroma liquido come il rum, aggiungetelo appena togliete il pentolino dal fuoco e mescolate molto bene.
Se avete l'aroma a pezzi, come stecca di cannella o di vaniglia e buccia d'arancio, mettete in infusione nel latte caldo prima di aggiungere il cacao.
Se avete l'aroma in polvere, aggiungetelo al preparato di cacao.
Oppure fatevi molto molto male e versateci sopra quintali di panna montata!!


I biscotti


Per le ricette cliccate sul nome del biscotto

Biscotti speziati alle mandorle (senza farina nè latticini)
Cuori alla cannella e anice (senza latticini)



Per gli auguri di Natale è presto, per ora buona domenica!
Silvia


Collaborazioni: Alma Nardi  & Terra Umbra
Concept by Silvia Di Gioia. Photo by Alma Nardi. Don't copy or use whitout permission

Biscotti: omini e alberelli glassati



Perfetti da fare con i bambini, si divertiranno moltissimo a fare le forme e a decorarli per poi appenderli all'albero o per una golosissima merenda.
una casa su misura per loro

Biscotti: cuori di cannella


Sono senza latticini, e senza grassi..diciamo light?!
Sono morbidi e suepergustosi, il profumo di cannella riporta subito al calore natalizio!

una casa su misura per loro

biscotti speziati alle mandorle

Perfetti per le feste e da regalare.
Sono gustosissimi i biscotti speziati fanno parte del "pomeriggio di coccole cioccolatose"

una casa su misura per loro

30 novembre 2013

Vellutata zucca e lenticchie

Questa vellutata è perfetta perchè unisce due ingredienti che si trovano solo in questo periodo dell'anno: la zucca gialla e l'olio nuovo.
La dolcezza della zucca e il pizzocore dell'olio nuovo.
Oggi sono un pò di fretta quindi vi lascio a questa semplicissima ricetta, pochi ingredienti e per questo devono essere davvero di ottima qualità.
Buon appetito a tutti..


una casa su misura

26 novembre 2013

Cottura al Cartoccio

Questo tipo di cottura fa parte della categoria "salutari", a meno che non rimpinzate il cartoccio di lardo e allora avanti tutta!
Unisce alla ricchezza della cottura al forno, i vantaggi della cottura al vapore ed è perfetto per mantenere intatti i sapori e i nutrienti, cottura adatta a tutta la famiglia, da 0 a 100 anni e sopratutto aiuta a non sporcare il forno, vantaggio che metterei sul podio!
Si tratta chiudere l'alimento all'interno di un "cartoccio" ora vi spiego come.
Cosa si può cuocere al cartoccio?
Tutto.
Carne, pesce, verdure, pasta e frutta
Con cosa si fa il cartoccio?
carta forno la più usata e la migliore, ma anche carta d'alluminio e sul mercato da qualche anno esistono dei sacchetti trasparenti fatti con una apposita plastica alimentare che resiste fino a 200°
Come si fa?
Preparare un foglio di carta (o più fogli) , che sia più lungo e più largo dell'alimento da cuocere, come se doveste fare un pacchetto regalo.
Mettete al centro l'alimento e conditelo come da ricetta, senza eccedere con olio e liquidi se non necessario.
Ripiegate i lembi sopra l'alimento e uniteli facendo in modo che non possa fuoriuscire aria, usate dello spago se preferite creando un vero sacchetto.
Ora ponete in una teglia e cuocete in forno con temperatura intorno ai 200°
A cottura ultimata non aprite subito il cartoccio ma aspettate qualche minuto altrimenti il vapore vi ustionerà!!!!
una casa su misura per loro!una casa su misura per loro
Consigli e suggerimenti
Una parte di liquido deve essere sempre presente, se si cucinano pesci i carni o comunque alimenti con poca acqua.
Per le verdure ad esempio, che  in cottura eliminano la loro acqua non ci sarebbe bisogno, ma nel dubbio mettetelo.
Vanno bene acqua, vino, brodo o sughetti in genere.
Il liquido serve a non far seccare troppo l'alimento in cottura e aiuta a creare vapore.

Silvia


20 novembre 2013

Pennette con ragù di legumi

Ho fatto le lenticchie in mille modi, e si che fino a due anni fa non le mangiavo nemmeno a capodanno..lo svezzamento non è solo per i bambini, serve soprattutto ai grandi.
Oggi a pranzo non mi andava di rifare la zuppa, da qualche parte tempo fa, ho letto di un ragù di lenticchie e ho provato.
Però avevo anche i piselli e ho pensato che insieme potessero stare davvero bene.
Il vantaggio è che non hanno bisogno di ammollo, 30 minuti di cottura per le lenticchie e 40 minuti per i piselli. Poi non c'è la buccia!!! perfetto.
E' un'ottimo condimento e una valida alternativa se non vi va di mangiate la carne, o se avete vegetariani a cena, eheh.

una casa su misura per loro


14 novembre 2013

Crostata salata verza e salsiccia

Fa sempre parte del menù d'autunno, ma è stata "censurata" perchè...ce la semo pappata!!!
L'hanno apprezzata tutti, grandi e meno grandi. Si presta come antipasto, come piatto unico o anche come spezzafame! 
Questa versione è con la pasta brisè, ma si può fare anche con la pasta sfoglia.

una casa su misura

13 novembre 2013

Una CasaSuMisura per Voi : la cucina di Sabrina

Sono molto contenta di leggere le vostre richieste sull'arredamento e lo sono ancora di più quando posso aiutarvi.
Mi ha scritto Sabrina con dei grattacapi per una cucina che apparentemente non ha problemi.
In realtà la cucina non è grande ed è chiusa tra 4 muri, quindi non possiamo rubare nemmeno un centimetro ma giocare con quelli che ci sono.

Le sue richieste sono:
Frigo da incasso
Forno su colonna o base
Lavello con gocciolatoio
Piano cottura 
Lavastoviglie da 60 cm 
Possibilità di spostare attacco dell'acqua se necessario
Piano di lavoro sufficiente per dilettarsi in cucina
Sistemazione del microonde free standing
Ovviare il problema mattonelle per rivestire le pareti
Modello con maniglia

una casa su misura risponde


Nelle composizioni "ad angolo" in pochi metri, ci sono molte più possibilità di composizione di quanto si immagina.
Il problema è che non vale la regola "cambiare l'ordine degli addendi il risultato non cambia"..anzi!
Quando le dimensioni sono ristrette e soprattutto quando la cucina è delimitata dai muri, spostare un solo elemento vale a dire modificare tutti gli altri, un po' come giocare a Jenga.
Ecco perchè Sabrina si sente senza via d'uscita, non è semplice in più ha provato davvero tante soluzioni, quindi molte considerazioni le ha già fatte.
La cucina si affaccia sul living quindi deve essere in armonia con tutto il resto.
Ho per lei due diverse soluzioni:

Soluzione ad angolo

una casa su misura risponde: la cucina di Sabrina

Composizione a L come da lei richiesto, partiamo da sinistra verso destra con la descrizione:
-Base rialzata per l'inserimento del  forno e un cestone, questa le permette di posizionare il microonde, l'altezza è ottimale per usarlo con comodità, ed in più è un piano d'appoggio. Sopra invece di un pensile, due mensole che possono essere posizionate all'altezza giusta per ospitare sotto il microonde e, visto l'obbligato inserimento di una base riempitiva, non sarà costretta a riproporla anche nei pensili, ma verranno fatte nella lunghezza necessaria.
A differenza della colonna a tutta altezza, non chiude troppo l'ambiente.
-Cassettiera da 45 cm e base ad angolo, sopra il top viene posizionato il piano cottura 4 fuochi centrato con le basi, sopra, il pensile cappa e si gira con il pensile ad angolo, seguendo le linee sottostanti.
-Girando con le basi, a destra troviamo la lavastoviglie da 60 cm  e poi la base lavello da 85 cm , che dovrà essere fatta su misura, con un'anta da 40 e una da 45. Mi permetto di dirlo perché da qualsiasi rivenditore vada Sabrina, è una cosa che si fa con estrema facilità e con qualsiasi modello di cucina.
Se non volesse una base lavello così grande, potrebbe fare una base lavello da 45 cm e tenere i 40 cm come contenitore. Però dovrà scegliere un lavello con una vasca più piccola, che possa entrare appunto, nei 45 cm.
Sopra abbiamo un pensile da 60 contenitivo e lo scolapiatti che seguono sempre le linee di divisione delle basi.
-Infine la colonna frigorifero.
-Il top sarà lo stesso anche sopra la colonna forno e l'alzatina alta fino alla colonna, permette di non mettere le mattonelle e di mantenere delle linee molto pulite.
In questa soluzione non è necessario lo spostamento dell'attacco dell'acqua.


Soluzione con penisola


una casa su misura risponde: la cucina di Sabrina
una casa su misura risponde: la cucina di Sabrina
una casa su misura risponde: la cucina di Sabrina

Questa soluzione spazia rispetto a quello richiesto da Sabrina, ma comunque voglio proporla.
Parto con la descrizione dalla penisola verso destra.
-La prima base è una cassettiera o comunque una base contenitiva da 45 cm, poi la base forno con sotto un cassetto.
Di fianco alla cassettiera, per rifinire, un pannello con la stessa finitura dell'anta, dietro la penisola vista dal living, delle "ante finte" una da 45 cm e una da 60 cm, dietro il muretto (che verrà inglobato alla cucina) una base a giorno oppure una base contenitiva chiusa con l'anta (senza maniglia ) e di profondità di ridotta.
- A destra del forno, una base ad angolo con anta da 60 cm e la parte "nascosta" fatta su misura, vicino una cassettiera da 60 cm o due cestoni, sopra le due basi il piano cottura a 4 fuochi, centrato perfettamente.
Sopra il pensile cappa da 120 cm  ma alto 36 cm e sopra due elementi a giorno per alleggerire la parete.
Tra la cappa e il muro di sinistra, un pensile su misura.
-Girando a destra, base lavello ad angolo da 105 cm e a seguire la lavastoviglie, da 60 cm infine una base da 40 cm contenitiva. Sopra i pensili che seguono le dimensioni delle basi.
-Chiudiamo con la colonna frigorifero.
-Il top proseguirà per tutto lo sviluppo della cucina, penisola compresa, e ripropongo l'alzatina da 30 cm ad incorniciare il tutto. Va ricordato però che la pittura del'ambiente dovrà comunque essere lavabile e adatta alla cucina.
La penisola usata come divisorio dalla zona giorno e come piano di lavoro, permette di inserire il microonde in qualsiasi punto della cucina.
Lo scarico dell'acqua in questo caso va spostato, a meno che non voglia invertire la lavastoviglie con il lavello tornando alla soluzione precedente.
Sabrina inoltre sta valutando la possibilità di fare il mobile buffet con gli stessi moduli della cucina, magari cambiando solo il colore dell'anta e mantenendo lo stesso materiale, in questo caso la penisola non va ad invadere il living, ma ne diventa parte.

I CONSIGLI
-I microonde a libera installazione NON devono essere inseriti all'interno di una colonna e chiusi con lo sportello.
Primo perchè è scomodo dover stare sempre ad aprire lo sportello o rimanere con lo sportello aperto durante l'utilizzo.
una casa su misura risponde: la cucina di SabrinaSecondo perchè non si può chiudere un'elettrodomestico in funzione dentro un mobile.
Si può inserire dentro una colonna o un pensile ma senza sportello e mantenendo le distanze richieste dalla casa produttrice, in modo che l'aria circoli e non faccia surriscaldare l'apparecchio e il mobile stesso, ma di base è meglio non farlo anche se ( e non ne capisco il motivo) molti mobilieri ancora lo propongono.
Se il microonde è un'elettrodomestico per voi indispensabile e di uso quotidiano, allora vale la pena prendere in considerazione l'acquisto di uno ad incasso.


Per quanto riguarda le maniglie, Sabrina dice di trovare ante che le piacciono ma non riesce a trovarne con le maniglie.
Non esiste anta di qualsiasi materiale che non si possa fare con le maniglie, ma esistono ante che non si possono fare senza maniglie.
Sta all'azienda e alla volontà del rivenditore accontentare il cliente.

Anche se mi ha espressamente chiesto il lavandino con gocciolatoio, le consiglio di valutare un lavello senza,  recupererebbe almeno 40cm di piano lavoro. Nella base da 85 cm potrebbe anche mettere due vasche.


L'IDEA
una casa su misura risponde: la cucina di SabrinaIl  muro va protetto sia dietro al piano cottura che dietro al lavandino; dagli schizzi della cottura (quindi deve essere facile da pulire e non deve essere infiammabile) e dall'acqua (quindi deve essere idrorepellente antimuffa). Questo se vogliamo dare lunga vita non solo alla cucina ma anche alle pareti che la sostengono.
Se non siete amanti delle mattonelle classiche o in generale delle mattonelle, si può creare l'alzatina del top dai 20 ai 30 cm invece che i classici 2 cm, le pareti andranno comunque tinteggiate con pittura lavabile , idrorepellente e antimuffa.
L'alzatina così alta si può fare con tutti i materiali naturali, come marmo, quarzo, granito, okite (naturale rigenerato) oppure con i materiali plastici come il corian.
E' una soluzione adatta a tutti i tipi di cucina, dalle classiche alle moderne alle minimal, è il materiale a fare la differenza.


Spero di aver spiegato bene molti punti, di aver fatto un po' di chiarezza.
Sempre disponibile a qualsiasi tipo di chiarimento.

Se avete delle richieste, sulla pagina "arredamento" sono specificate le modalità.

Silvia

photo del top by Alma Nardi  
Concept by Silvia Di Gioia.Don't copy or use whitout permission

8 novembre 2013

Crema al Monte Bianco della nonna Giovanna

Il dolce del Menù Autunnale
Mamma che dolce potrei fare che abbia noci o castagne?
Perché non fai il Monte Bianco?
Non ho mai, dico mai e ripeto mai mangiato il Monte Bianco, pensare poi di farlo..neee.
No mamma, dai qualcos'altro??
Poi lei mi ha raccontato come lo faceva mia nonna in pasticceria tanti anni fa e di come andasse a ruba!
Insomma mi ha convinto ed ho voluto provarci. Sono rimasta estasiata e a me nemmeno piacciono i dolci con le castagne.
Non credo che sia al livello della nonna e non lo saprò mai, ma ci siamo più che accontentati di leccare la ciotola!

una casa su misura ricette

7 novembre 2013

Arista ripiena..buona la prima!

Secondo piatto del Menù d'autunno


Delle quattro ricette questa è stata la più difficile da scrivere.
Avevo pensato di fare un'altro piatto come secondo, ma il giorno prima mi è arrivato questo grosso pezzo di arista..arrivano regali strani in questa casa..quindi ho pensato: e adesso? che ci faccio???
Pensa che ti ripensa, non ho trovato niente di interessante.
Tante ricette di arista ripiena, ma non mi convinceva il ripieno, la solita storia niente latte niente uova così posso darlo anche ai nani.
Avevo il radicchio (dal risotto) avevo la verza e la salsiccia usata per una torta salata che vi posterò a brevissimo..quindi? quindi metto tutto insieme, qualcosa ne uscirà.
Ho fatto tutto improvvisando e il risultato è stato davvero buono, peccato che nella confusione generale l'ho cotta 15 minuti di troppo ed è venuta un po' asciutta..non fate il mio errore che è spiegato meglio nel procedimento. Ecco perché è stato difficile, ho dovuto fare mente locale di ciò che ho fatto 15 giorni fa, come una sciocca non avevo scritto niente, che invece di solito uso fare soprattutto per i dolci e per ricette che richiedono più passaggi.

Risotto radicchio e gorgonzola

Primo piatto del Menù d'autunno
Una ricetta fatta per caso una sera di qualche anno fa, è diventata parte del mio ricettario di casa e così voglio condividerla con voi.
Oggi sono di poche parole, quindi vi lascio alla ricetta!

una casa su misura ricette


31 ottobre 2013

La tavola autunnale, colori e sapori

una casa su misura: la tavola autunnale
Mentre nei negozi troneggiano panettoni e cotechini, il primo pensiero è: ma che giorno è?
Sono (erano) i primi di ottobre, ancora non è uscito  il vino novello, le olive non sono state ancora spremute e le castagne non hanno fatto capolino tra i bancali di frutta..quindi perché dovrei saltare una stagione?
Perché entrare nell'atmosfera natalizia ben 70 giorni prima? non ha alcun senso. 
Così quando sono tornata a casa mi è venuta un'idea e l'ho subito proposta alla persona giusta.
E' stata accolta con grande entusiasmo e ci siamo subito messe all'opera.
Siamo entrate nello "spirito autunnale" e con la collaborazione di Terra Umbra (accessori) e di Alma Nardi (fotografia) nel giro di pochi giorni siamo riuscite a organizzare la Tavola autunnale con relativo menù, che non prevede panettoni!
Ci siamo divertite davvero tanto anche se, non pensavo, è davvero stancante..casa da pulire, i bambini agitati ed entusiasti di tutto quel movimento in casa, le ricette da preparare e la luce giusta da trovare ed in più una giornata molto molto calda, ma a servizio terminato ci siamo ritrovati tutti intorno al tavolo con un bel bicchiere di vino, occhi stanchi e sorrisi soddisfatti.
Non è il mio mestiere la "mise en place", ho unito la passione della cucina, l'amore per la casa e .. quattro occhi da arredatrice, Alma oltre ad essere una cara amica con l'hobby della fotografia, è una arredatrice, e senza di lei non sarei riuscita ad organizzare tutto.
E' la prima volta per entrambe e sicuramente dobbiamo migliorare, ma ci è piaciuto talmente tanto che ...ci saranno molte tavole!
Una bella cena con i nuovi prodotti che la stagione ci riserva. Sono tanti e possiamo gustarli solo per poche settimane,  prodotti di stagione, dall'antipasto al dessert.
Con questo menù organizziamo un'apparecchiatura, per i nostri ospiti o per una serata a due, senza formalità,  per condividere un momento piacevole.

una casa su misura: la tavola autunnale

La tovaglia
L'autunno ci porta in tavola nuovi colori, i colori caldi della terra rosso, arancione, marrone, in tutte le loro sfumature. Finalmente possiamo raccogliere i doni della terra e gli alberi ci offrono i loro frutti, è la stagione più proficua e non la stagione di decadimento.
Con tutti questi colori che ritroviamo (radicchio, zucca, cavoli, melograni, castagne, noci ecc..) la tovaglia dovrà avere colori neutri come il panna, il beige, o il bianco sporco e tessuti naturali e materici, come cotone e lino. Spazio alla semplicità!
I tovaglioli
Evitiamo di usare i tovaglioli di carta, se la tovaglia non ha i "suoi" tovaglioli, potete metterne altri di colore diverso ma stesso tessuto, ad esempio con una tovaglia panna vanno benissimo dei tovaglioli color noce o marrone o anche rosa antico, l'importante è che rimangano nello stesso stile.
Il tovagliolo si piega molto semplicemente a triangolo o a rettangolo senza creare strane forme dentro i bicchieri.
Le posate
Se avete delle belle posate in argento non eccessivamente lavorate, tiratele fuori, faranno un bel contrasto senza mettere nessuno in imbarazzo dalla posateria. Sarà il vostro tocco chic!
In generale evitate quelle plastificate, ma puntate su quelle semplici, magari in acciaio non lucido. 
Ma non sbagliamo ordine, a sinistra del piatto andranno le forchette o la forchetta, a destra del piatto il coltello con la lama rivolta verso il piatto e in esterno il cucchiaio se occorre.
I piatti
Piatto piano, piatto fondo, piattino da dessert o da antipasto, sottopiatto.
Se avete dei sottopiatti è ora di usarli, se non fanno parte del servizio di piatti non c'è problema, come per i tovaglioli andate a contrasto rimanendo sempre sui toni della tovaglia e dei tovaglioli. Vanno bene, da riutilizzare in ogni occasione, in vetro battuto ma trasparente, sono senza stagione!
I piatti dovranno essere semplici per far risaltare la pietanza servita.
Se avete deciso di portate in tavola la pietanza su vassoio in modo che ogni commensale si serva da se, allora andrà posizionato il piatto fondo, come in questo caso.
Se invece preferite servirle gia  impiattate , allora in tavola ci sarà solo il sottopiatto ed un piattino da usare per l'antipasto.
I bicchieri
Calice per il vino, se è previsto, e il bicchiere dell'acqua vanno posti a destra sopra il coltello.
Vetro trasparente con qualche lavorazione, richiamerà la posateria in argento senza però eccedere nel servizio.
Vino, acqua, pane 
Rimanendo sull'informale il vino si può portare a tavola nella bottiglia, a meno che non volete sfoggiare un vino di riserva o particolarmente pregiato che deve ossigenare, allora un decanter sarà necessario.
L'acqua invece la mettiamo in una brocca molto semplice vetro o ceramica se è nello stile dei piatti.
Il pane già tagliato nel cestino apposito che è sempre bene avere in casa anche se quotidianamente non lo usate.
Centrotavola
Con una tavola così il centrotavola non può che essere un bel cestino con  frutta secca di stagione, noci, nocciole, melagrano e castagne.
Semplice e commestibile! non troppo imponente,  non deve interferire con la convivialità del pasto.
una casa su misura: la tavola autunnale

una casa su misura: la tavola autunnale

una casa su misura: la tavola autunnale

una casa su misura: la tavola autunnale

una casa su misura: la tavola autunnale


una casa su misura: la tavola autunnale

una casa su misura: la tavola autunnale
Seguite sempre i vostri gusti e lo stile di casa vostra senza strafare, perchè come dice la mitica Csaba "troppe posate e troppi bicchieri non fanno "stile" ma solo "pretesto", che è il primo passo falso verso l'inappropriato"

E i bambini?


una casa su misura: la tavola autunnale

una casa su misura: la tavola autunnale

Con questo menù  mangeranno tutto..more or less..e la semplicità della tavola accoglie anche i più piccoli senza l'ingombro di mille accessori.
Loro vengono sempre al primo posto in tutto e per tutto, quindi la tavola dovrà sempre accoglierli.

Buon Autunno..godetevelo!
Silvia


Collaborazioni: Alma Nardi  & Terra Umbra
Concept by Silvia Di Gioia. Photo by Alma Nardi. Don't copy or use whitout permission

23 ottobre 2013

Muffin all'arancio.. Con o senza uova?

E per chi legge spesso i miei post, ormai sa che i miei bimbi hanno una intolleranza al latte vaccino che mi ha posticipato l'inserimento dell'uovo. Come se non bastasse c'è pure una dermatite atopica che si manifesta quando il corpo è sottoposto a stress.
Quindi la continua e irrefrenabile nascita dei denti ( ne mancano 4 al maschietto!!!) ci porta sempre guanciotte rosse e irritate, ed episodi di rigurgito, gli stessi sintomi dell'intolleranza.
Spesso faccio torte senza uova e con latte di soia in sostituzione a quello vaccino.
Questi muffin sono per loro, per chi non vuole o non può mangiare uova.
muffin senza uova

21 ottobre 2013

Iniziamo con le zuppe: ZUPPA RUSTICA per tutti!

Mi hanno rimproverato.."non scrivi mai ricette di verdure, zuppe e vellutate".
Avete ragione!!
Il problema è che le verdure le dò per scontate, non esiste pranzo o cena senza le verdure a casa mia, fosse anche solo un misero pomodoro.
Però in estate io non cucino molto e comunque la stagione  offre solo verdure da consumare crude, o alla griglia. Che dovrei scrivere? come tagliare l'insalata??

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Google+