Google+

Post in evidenza

Come progettare la cucina

Moderne, minimal, classiche, in muratura, country, shabby... In legno, in acciaio, laccate, in pvc, in vetro..c'è da perdere la testa...

27 aprile 2014

Pagnottine al latte (di soia) perfette per il pic-nic

Sono un pò assente in questo periodo, mi dispiace, mi sembra di non arrivare mai a fare tutto.
In più, ho iniziato anche il cambio di stagione....iniziato.....
Quattro persone di cui due duenni, il che vuol dire non solo cambio stagione, ma dividere le cose che potrebbero andare anche il prossimo anno (pochissime) e quelle che non gli vanno più.
Risultato, ho 4 scatoloni ( grandezza trattore a pedali, un regalo di compleanno) pieni di vestiti e scarpe, maschio e femmina, per tutte le stagioni da 0 a 24 mesi.
2 stendini e la soffitta piena di panni ad asciugare, e una stanza straripante di vestiti da stirare.
In tutto ciò stacco, faccio finta di nulla e vengo qua a darvi la ricetta delle pagnotte al latte.
Fatte il 24 pomeriggio per il pic-nic del 25 aprile, si che quest'anno non mancano ponti e festività tutte di venerdì!






INGREDIENTI
600  gr di farina 00
250 ml latte (di soia) tiepido
200 ml acqua
60 gr margarina
12 gr lievito di birra
1 cucchiaio di malto d'orzo
1 cucchiaino e 1/2 di sale

PREPARAZIONE

Nel latte tiepido sciogliere il lievito con il malto e lasciare agire qualche minuto.

Impastare la farina con il latte e quando il latte è stato assorbito, iniziare ad aggiungere l'acqua.

Continuare ad impastare per 10 minuti finchè l'impasto non diventa liscio, ora aggiungere la margarina (poco alla volta) a temperatura ambiente.
Continuare ad impastare finchè il tutto non è ben amalgamato. Il panetto dovrà essere liscio, ma risulterà un pò appiccicoso e molto soffice. Don't worry!

Nel piano di lavoro, ben infarinato..molto infarinato, rovesciare l'impasto e "chiudetelo" tirando i lembi verso il centro a creare una palla.
Anche se appiccicoso, vi risulterà molto semplice lavorare l'impasto se avete il piano ben infarinato.

Ponetelo in una ciotola coperto con un canovaccio umido e lasciate lievitare 2 h nel forno spento.

Quando è lievitato rovesciatelo di nuovo nella spianatoia infarinata e tagliatelo in quattro parti uguali.

Stendete ogni parte, con le mani, e arrotolatela (tipo tappeto) senza fare pressione. 

Ponete le pagnottine su una teglia con carta forno e rimettetele in forno (sempre spento) a lievitare per un'ora, infarinate e coperte con il canovaccio umido.

Cuocete in forno già caldo a 230° ventilato per 10-15 minuti (dipende dalla grandezza delle pagnotte)
Quando sono dorate e toccandole sulla crosta, suonano a vuoto, sono pronte.

Far raffreddare molto bene a temperatura ambiente prima di tagliarle.
Siccome sono già morbide, conservarle avvolte in un canovaccio e riposte in un cassetto della cucina per il primo giorno, dal secondo giorno potete conservarle chiuse in un sacchetto di plastica e poste in frigo.
Non conservatele più di tre giorni.


Un saluto ad Alma, che si è creata un meraviglioso ponte. Aspetto "la foto" da oltreoceano, che condividerò con gli amici di Una CasaSuMisura su un articolo che aprirà una rubrica tutta nuova e che spero vi piacerà!

Silvia

Nessun commento:

Posta un commento

commenta il post

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Google+